Guida all’elaborato

L’elaborato multimediale dovrà inspirarsi ai principieerali dell’Universal Design for Learning e contenere testo, immagini, video e audio, rispettando il diritto d’autore e la riservatezza.

Qualora sia utile e possibile, deve poter essere fruito anche con tablet e smartphone.

Sintesi del prof. Marco Secchia

Approccio

Ci aiuteranno l’uso dei link e la possibilità di incorporare nei nostri prodotti originali l’anteprima dei materiali fruibili dalla rete in streaming.

Ci lavoreremo in aula al termine del percorso destinato a fornire numerosi spunti operativi con esplicita valenza cognitiva e culturale, ma sarà utile cominciare ad abbozzarlo con anticipo.

All’atto del rilascio, dovremo decidere se utilizzare il copyright (implicito) o una licenza Creative Commons, che andrà invece esplicitata.

L’elaborato va accompagnato da un inquadramento, che è l’aspetto più professionalizzante di tutto il percorso, secondo questa scaletta di massima:

  • Esigenze
  • Obiettivi
  • Interventi (di autorialità diretta e di secondo livello)
  • Metodo/i (riferimenti espliciti, non esposizione)
  • Risultati attesi
  • Risultati effettivi
  • Considerazioni su punti di forza, criticità, sostenibilità e ripetibilità dell’esperienza fatta
  • Conclusioni: che cosa abbiamo imparato dal punto di vista professionale.

Il tutto in forma sintetica e lineare e in prima personaorgogliosa assunzione di responsabilità.

Parametri di valutazione

Gli elaborati saranno valutati nel formato numerico di tradizione universitaria e con un feedback orale del tutor a proposito dei seguenti aspetti:

  • Chiarezza del progetto (analisi del contesto, congruenza degli obiettivi, coerenza metodologica)
  • Chiarezza del percorso (comprensibilità dell’interfaccia; precisione dei criteri di valutazione; presenza di raffronto tra risultati attesi ed esiti effettivi)
  • Effettiva attenzione alla/e disabilità (focus dell’intervento vs. aspetto secondario; fulcro della scelta degli strumenti vs. richiesta di adattamento)
  • Dinamicità professionale (esplorazione critica di possibilità vs. impiego di procedure e strumenti noti e consolidati)
  • Aspetti meta-professionali (cura dei particolari dell’esposizione, della bibliografia e della sitografia; valutazione delle criticità; riflessione sulla sostenibilità e ripetibilità dell’attività; e sua valutazione in prospettiva futura)
  • Altro (eventuale)

Materiali di lavoro

Template dell’inquadramento per Office e Libre/Open Office.

7 slide di presentazione.

Espedienti retorici, scherzosi ma non troppo.

Infine, un esempio di esposizione e commento.

__________________________________________________________________________________________

Spunti di riflessione interessanti si trovano anche in:

Hackability. Condividere e documentare progetti ad impatto sociale.

Griglia di valutazione del software didattico